Novanta migranti su un gommone in avaria, interviene la marina militare per cercare di salvarli

Alla fine è intervenuta la Marina Militare italiana e quell’intervento è stato deciso poichè le condizioni meteo sarebbero in progressivo in peggioramento.

Secondo le prime informazioni giunte sui media, a bordo potrebbe esserci una bimba di 5 anni che sarebbe morta.

Ad intervenire per trarre in salvo i migranti è la nave della Marina Militare italiana “Cigala Fulgosi“. Il gommone si troverebbe da mercoledì in difficoltà al largo della Libia.

Secondo quanto riporta tgcom24, secondo cui però non ci sono conferme di vittime, l’intervento è stato deciso perché le condizioni meteo sono in peggioramento. Pare che l’imbarcazione si trovasse senza motore e in precarie condizioni di galleggiamento.

Secondo quanto riferito da Alarm Phone (ovvero il servizio telefonico al quale si rivolgono le imbarcazioni che hanno problemi nel mar Mediterraneo) invece sarebbe morta una bambina di 5 anni. Sul gommone, si apprende ancora, potrebbero esserci 15 minorenni. Il più picciolo un bimbo di 9 mesi appena. Il gommone, che versava in condizioni critiche, si sarebbe sgonfiato imbarcando acqua.

Sull’episodio interviene Mediterranea Saving Humans su twitter

“La marina poteva soccorre il gommone ma ha aspettato” – “A 24 ore dalla prima segnalazione, dopo appelli della società civile, la marina italiana sembra operare soccorso. La nave Cigala Fulgosi è sempre stata a poca distanza, ma ha aspettato. Se confermata la morte di una bimba di 5 anni tra i naufraghi, sappiamo chi poteva salvarla e non l’ha fatto”