Andrea Camilleri, nuovo bollettino medico: la situazione è molto grave. Attualmente si trova in respirazione meccanica

Lo scrittore siciliano Andrea Camilleri, 93 anni, è stato ricoverato nel reparto di rianimazione dell’ospedale Santo Spirito di Roma. L’autore della saga dei gialli del commissario Montalbano è stato trasportato in pronto soccorso in seguito a un infarto.

Solo pochi giorni fa era uscito il suo ultimo libro, come sempre in testa alle classifiche “Il cuoco dell’Alcycon”. Curiosamente, questo è anche il 25esimo anno dopo l’uscita del primo volume di Montalbano, che ha dato il via alla più famosa serie poliziesca di romanzi di tutti i tempi, divenuta poi anche una nota serie tv celebrata e seguita in mezzo mondo.

Le condizioni di Andrea Camilleri, secondo l’ultimo bollettino, “sono critiche e la prognosi resta riservata”. Lo scrittore è in “respirazione meccanica”.

Il nuovo bollettino medico

“Le condizioni di Camilleri restano critiche, è ricoverato in rianimazione e la prognosi è riservata”.

Così si è espresso pochi minuti fa il responsabile del reparto di Cardiologia dell’Ospedale Santo Spirito di Roma, dottor Roberto Ricci.

“Sono in corso ulteriori accertamenti per proseguire l’iter diagnostico e terapeutico. Andrea Camilleri è arrivato con un arresto cardiocircolatorio. In pronto soccorso è stata praticata la rianimazione cardiorespiratoria che ha permesso il ripristino dell’attività cardiocircolatoria. Lo scrittore è in rianimazione con supporto respiratorio meccanico e supporto farmacologico”.