Bimbo di 2 anni resta chiuso in auto sotto il sole, salvato dai carabinieri. Nell’abitacolo quasi 40 gradi

(immagini di repertorio)/ Ha rischiato di finire in tragedia la disavventura capitata a una nonna che oggi è andata a prendere il nipotino di due anni alla scuola materna di Marmirolo per portarlo a casa.

Arrivata nei pressi dell’abitazione, la donna ha parcheggiato l’auto sotto il sole e stava per prelevare il bimbo dal seggiolino quando, per un guasto improvviso, le portiere dell’auto si sono chiuse elettronicamente, con le chiavi rimaste all’interno.

Il bimbo inizia a piangere a dirotto per il caldo e la paura di trovarsi da solo nell’abitacolo. Nell’auto è rimasto anche il cellulare della donna, che cerca di tranquillizzare il nipotino e intanto chiede aiuto ai passanti.

Qualcuno  sente le sue grida ed allerta subito i soccorsi.

Fortunatamente una pattuglia dei carabinieri di Marmirolo, allertata dalla centrale operativa di Mantova, interviene in pochi minuti.

Mentre uno dei due militari tenta di riportare alla calma l’anziana signora, ormai sopraffatta dal panico, l’altro carabiniere rompe il finestrino e preleva il piccolo ormai stremato dal caldo. Dentro l’abitacolo la temperatura toccava infatti i 40 gradi.

Il successivo intervento del personale medico ha assicurato che il bambino è fuori pericolo e la tragedia scongiurata. Il grave episodio è stato raccontato da Il Giorno.