Caso Cucchi, procedimento contro chi trasferì Casamassima

L’Arma ha sempre respinto le accuse contenute nella versione di Casamassima e in tutte le sedi ha rimarcato la correttezza dei provvedimenti presi anche a tutela dell’Istituzione. Contattate dall’Adnkronos fonti dell’Arma spiegano “di attendere l’esito del procedimento”

Per l’Arma infatti il trasferimento dell’appuntato dall’8° Reggimento Lazio alla Legione Allievi Carabinieri è arrivato a 3 anni dalle dichiarazioni rese nel caso Cucchi in quanto Casamassima più volte si era lamentato con i vertici su circostanze negative nei rapporti con altri carabinieri. Per l’Arma il trasferimento aveva avuto l’unico scopo di rasserenare Casamassima fornendogli un ambiente di lavoro più favorevole. Anche sul ‘demansionamento’ l’Arma ha sempre respinto l’accusa spiegando che ancorché non operativo, il compito assegnato a Casamassima coincide con quelli assegnati a suoi pari grado e non ha avuto ricadute economiche negative per l’appuntato.

Nella sua difesa, l’Arma aveva rimarcato come il cambio di mansione era dovuto anche ad una richiesta dello stesso Casamassima di non svolgere turni che gli avrebbero reso difficoltosa la gestione della vita familiare.

L’Arma dunque ha sempre respinto le accuse lanciate da Casamassima ma non è stata creduta dall’Anac sul fronte del “ripetuto rigetto – scrive l’autorità anticorruzione – di domande di trasferimento legittimamente avanzate per il ricongiungimento al coniuge lavoratore nonché in una generale azione di screditamento della sua persona”.