“Discoteca abusiva”, a processo i proprietari del Papeete

I responsabili del ‘Papeete Beach’, i fratelli Rossella e Massimo Casanova, quest’ultimo europarlamentare della Lega, sono a processo davanti al giudice monocratico Natalia Finzi del tribunale di Ravenna per apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo o trattenimento, in relazione a eventi organizzati tre anni fa nel celeberrimo stabilimento balneare di Milano Marittima.

Sul litorale ravennate, il ‘Papeete’ è tra le altre cose scelto dall’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini per trascorrere periodi di vacanza e divenuto contesto di conferenze stampa e incontri politici.

Il processo, spiega l’ANSA, è iniziato in mattinata. L’accusa, secondo quanto riportato dal Resto del Carlino, è scattata nell’ambito di un controllo dei carabinieri, alle 22 del 10 agosto 2016

L’accusa

In buona sostanza per l’accusa la società, alla luce dei nuovi orari di apertura fissati dal Comune per gli stabilimenti balneari nell’estate 2016, avrebbe organizzato per l’intera stagione un aperitivo musicale dalle 16 alle 24, con afflusso di centinaia di persone e senza alcuna valutazione della sicurezza da parte di una commissione di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo.

Dopo i primi interrogatori l’udienza è stata aggiornata a inizio novembre.