Si rivolge ai Carabinieri ma rifiuta di parlare con il militare in servizio perchè meridionale

I Carabinieri della Stazione Pieve Santo Stefano hanno denunciato una donna di 32 anni di origini sarde e residente a Pieve Santo Stefano che si è presentata nella caserma dei Carabinieri del luogo. Un curioso episodio, certamente disdicevole, raccontato dal quotidiano La Nazione.

Arezzo – Non appena sentita l’inflessione dialettale, meridionale del Carabiniere di servizio, la donna chiedeva insistentemente di parlare con qualsiasi altro militare purché non lui.

A questa stranezza, il militare ha risposto rivolgendo alla donna alcune domande per comprendere il motivo della sua visita, chiedendole nel contempo un documento di riconoscimento per identificarla.

A questo punto la giovane ha iniziato ad agitarsi e con tono minaccioso ha intimato al militare di lasciarla andare. Così si allontanava liberamente dalla caserma. Rintracciata e identificata è stata denunciata per minaccia a pubblico ufficiale con l’aggravante della discriminazione razziale