Poste sotto la lente dell’Antitrust per le raccomandate “senza suonare”

ROMA. Poste finisce sotto la lente dell’Antitrust. Il Garante per la concorrenza ha avviato un’istruttoria sulla società per presunte pratiche commerciali scorrette nell’invio delle raccomandate.

Secondo l’Autorità, Poste prometterebbe infatti “ingannevolmente” agli utenti servizi che in realtà non verrebbero garantiti, inducendoli a scegliere lo strumento della raccomandata promuovendo caratteristiche che non vengono però rispettate.

Una delle ‘colpe’ ricadrebbe sui postini. L’avviso di giacenza del plico raccomandato verrebbe infatti spesso depositato nella cassetta postale del destinatario dell’invio “senza previo accertamento della presenza o meno del medesimo al proprio domicilio”, in pratica senza nemmeno suonare al citofono o alla porta.

In questo modo il destinatario che voglia entrare in possesso del plico viene costretto “ad esperire procedure alternative previste da Poste, con uno slittamento dei tempi di consegna ed un dispendio di tempo ed energie che non sarebbe necessario qualora il tentativo di consegna venisse realmente effettuato”.