Donna uccisa a coltellate davanti ai figli: l’ex compagno aveva il divieto di avvicinarsi

Una donna 41enne di nazionalità ceca è stata uccisa a coltellate a Ossi, nel Sassarese.

A ucciderla, dopo un violento litigio in un bar, a cui avrebbero assistito anche i due figli della donna, sarebbe stato l’ex compagno, che in passato aveva già usato violenza sulla 41enne e aveva il divieto di avvicinarsi alla vittima. L’uomo è stato fermato dai carabinieri.

L’aggressione all’interno di un bar

Secondo le indagini, la donna è stata accoltellata in un bar di Sorso al culmine di un litigio. Prima che i carabinieri intervenissero su segnalazione di alcuni testimoni, l’uomo è scappato in compagnia della sua vittima e dei due figli.

Dopo oltre mezz’ora, una seconda chiamata al 118 ha segnalato la presenza della donna, in gravissime condizioni, a Ossi nei paraggi della locale guardia medica.

L’uomo si sarebbe presentato a casa di un amico, avrebbe suonato il campanello e non ricevendo risposta avrebbe sfondato il portone di ingresso.

Dopo essere salito per la prima rampa di scale ha abbandonato la donna, in gravissime condizioni nel salone dell’appartamento in cui in quel momento si trovava solo il padre 81enne del suo amico, che non si sarebbe accorto di nulla. Sul posto i sanitari hanno cercato di rianimare la 41enne a bordo dell’ambulanza, ma per lei non c’è stato niente da fare.

L’uomo fermato in un locale di UsiniIl presunto responsabile, che si è dato alla fuga, è stato segnalato poco dopo in un bar di Usini, paese non lontano da Ossi, dove i carabinieri l’hanno fermato.