Buono spesa da 100 euro, accertamenti su un benestante “nullatenente per il Fisco”

Ci sono i primi denunciati per aver percepito illecitamente i buoni spesa da 100 euro erogati dal Comune di Genova per sostenre le famiglie in difficoltà a causa del coronavirus.

La polizia municipale di Genova guidata dal comandante Gianluca Giurato, spiega repubblica.it, ha iniziato gli accertamenti sulle 2500 persone che hanno percepito il bonus. Sono tre gli indagati per indebita percezione di erogazioni dello Stato, lo stesso reato introdotto lo scorso anno contestato a consiglieri comunali e regionali accusati di avere speso i soldi pubblici per acquisti privati.

Gli uomini del primo gruppo della guardia di finanza, guidati dal colonnello Ivan Bixio, hanno invece avviato accertamenti su una persona benestante ma nullatenente per il fisco. L’uomo ha percepito il buono spesa da 100 euro.

La scorsa estate le fiamme gialle gli avevano sequestrato un attico di lusso in centro a Genova e a lui i finanzieri attribuivano 20 auto di lusso e d’epoca che risultavano intestate ad altri.