Ponte di Genova, i parenti delle vittime del Morandi: “non ci saliremo mai”

Nuovo ponte di Genova, parlano i familiari delle vittime

Egle Possetti, presidente e portavoce del Comitato in ricordo delle vittime del Ponte Morandi, con un’intervista a Radio Capital ha ribadito la posizione dell’associazione nata dalla tragedia del 14 agosto 2018.

“Non penso che metterò mai piede su quel ponte. Già solo vederlo ci provoca dolore, perché pensiamo che era un’opera che poteva essere fatta prima, evitando la morte dei nostri cari – ha spiegato la rappresentate -. Mi devono portare sul nuovo ponte con la forza, altrimenti non avrò mai il coraggio di salirci. Per noi umanamente salire su quel ponte sarebbe stato difficilissimo. Questa è stata una decisione emotiva”.

Sull’accordo con Autostrade

“La trattativa per la gestione di Autostrade è una questione complicata – ha detto Possetti, che nella tragedia ha perso la sorella Claudia, il cognato Andrea e i nipoti Manuele e Camilla – la revoca, dal punto di vista emotivo, avrebbe avuto un impatto diverso. Poi, a livello razionale potrebbe essere meglio questo risultato. Che l’azionista di maggioranza di Autostrade venga estromesso dalle decisioni della società è comunque un punto di partenza importante”.