Strisce blu anche per gli scooter, è bufera

L’iniziativa arriva dall’amministrazione di Forio in provincia di Napoli, e scoppia la polemica

Parcheggi a pagamento anche per moto e scooter, sia per abitanti che turisti. La sistemazione è infatti stata pensata in aree strategiche. E sui social dilaga la polemica.

I ‘nuovi’ parcheggi sono stati inseriti nella nella zona del porto e del lungomare: “in un periodo di crisi economica, come questo che stiamo affrontando, dove già bisognerebbe abolire molte strisce blu o ridurne sensibilmente i costi, mettere il parcheggio a pagamento anche per gli scooter ci sembra qualcosa di profondamente sbagliato” scrive ottopagine, che spiega la situazione.

Sull’argomento si è espresso l’ex consigliere foriano Vito Iacono: “C’è chi pecca di ingordigia e di avidità e chi di distrazione ed a pagare sono sempre i cittadini. Non è il tempo delle polemiche e men che meno delle contrapposizioni. Ma almeno sia il tempo del buon senso. E quella di imbrattare marciapiedi dalla pavimentazione pregiata e strade per mettere le mani nelle tasche vuote dei nostri giovani senza lavoro e dei nostri cittadini e coraggiosi ospiti non sembra proprio una buona idea. Bisognerebbe favorire la fruibilità i spazi e servizi. Scopro per caso che la tariffa minima delle strisce blu all’ingresso del paese cosa il doppio di un caffè e così il cittadini decide di andare altrove ed ora pagano anche gli scooter, così come a Cava dell’Isola. Eppure – si legge sul sito ilgolfo24 –  dicevano che quella era dei nostri giovani ed era libera ed invece ti fanno pagare il pedaggio per alimentare chissà quale logica e dinamica. Sono convinto che il Sindaco si ravveda come pure le opposizioni guardino le carte con maggiore attenzione visto che il provvedimento risalirebbe a mesi e tanto si poteva e si doveva fare prima della concretizzazione di un atto dalla evidente dubbia legittimità oltre che sconsideratezza!”.