Prostituta positiva al Covid, rifiuta di dare i nomi dei clienti

Ha 23 anni ed è di origine nigeriana la ragazza residente a Trento e positiva al Covid-19

La giovane, che si prostituisce, una volta accertata la positività si sarebbe però rifiutata di dare i nomi dei suoi clienti. A riportarlo sono Giornale di Vicenza e Huffingtonpost.

La ragazza è ora ricoverata da venerdì al San Bortolo di Vicenza nel reparto malattie infettive. In seguito al rifiuto o all’impossibilità della collaborazione, le difficoltà del Sisp (Servizio di igiene pubblica) di ricostruire i suoi movimenti e rintracciare le persone che ha incontrato.

A portarla in ospedale un uomo, non africano ma probabilmente dell’Est e probabilmente suo protettore, il quale ha fatto perdere le proprie tracce. L’uomo l’ha accompagnata in ospedale poiché la giovane presentava alcuni sintomi: febbre, mal di testa e bruciore all’apparato genitale. Da qui il tampone e la positività rilevata.

Indagano le autorità sanitarie e la polizia di stato

LEGGI ANCHE: Prostituta positiva al Covid-19: appello ai clienti per tracciare i contagi