Condividi

ARP4370465-kmyD-U43160246639513m2C-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443Il segretario diventa re. Gianni Infantino è il nuovo presidente della Fifa, il nono nei 112 anni di storia della Federcalcio mondiale. Il delfino di Michel Platini, squalificato per 6 anni insieme all’ex presidente della Fifa Sepp Blatter, si issa a sorpresa sul trono del calcio, spodestando il favorito sceicco Salman al Khalifa, battuto già alla seconda votazione. Infantino ha vinto raccogliendo 115 voti, mentre lo sceicco del Bahrein si è fermato a 88.

«Dobbiamo tornare a essere fieri»

«Non riesco a esprimere la mia emozione – ha esordito il nuovo presidente della Fifa, figlio di emigranti italiani – Ho fatto un lungo viaggio, cari amici». Riferendosi, poi, al dramma del Fifagate, lo scandalo che ha travolto Blatter e numerosi dirigenti del governo del calcio mondiale, Infantino ha aggiunto: «Spero che ora restituiremo alla Fifa il suo status: bisogna essere fieri. Dobbiamo continuare a crescere. Dobbiamo creare una nuova era della Fifa in cui rimetteremo al centro il calcio». Tra i suoi programmi, che aveva annunciato in un’intervista al Corriere della Sera lo scorso mese, «un Mondiale a 40 squadre, più introiti e trasparenza».

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteRICETTA MEDICA: CAMBIA TUTTO. Dal 1 marzo arriva quella elettronica. Ecco come funziona
Prossimo articoloAppena vaccinato contrae la meningite