Condividi

SOS1307204New Delhi (India), 13 settembre 2013 – Sono stati condannati alla pena di morte i quattro responsabili del barbaro stupro di gruppo di una studentessa di 23 anni in un autobus a New Delhi il 16 dicembre. Le violenze furono cosi’ ripetute e brutali che la giovane 13 giorni dopo lo stupro mori’ in un ospedale di Singapore per le ferite interne. Il caso sollevo’ un’ondata di indignazione popolare in tutto il Paese.

I quattro imputati, Mukesh Singh, Akshay Thakur, Pawan Gupta and Vinay Sharma, sono stati tutti giudicati colpevoli di violenza sessuale, omicidio e furto, al termine di un processo durato sette mesi. Del braco che stupro’ la ragazza facevano parte altri due uomini: uno si e’ suicidato in carcere mentre l’altro, l’unico minorenne, e’ gia’ stato condannato a tre anni di reclusione in un carcere minorile “La sentenza appropriata non puo’ essere niente di meno della morte”, ha dichiarato nella sua requisitoria il procuratore speciale, Dayan Krishnan, sottolineando che il caso ha sconvolta “la coscienza collettiva”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteBimba morta in ospedale, oggi autopsia
Prossimo articoloUccisa in ufficio, Grigoletto confessa