Condividi

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, dedica il 25 aprile, e non nel senso della fausta ricorrenza di San Marco, ai due marò – Salvatore Girone e Massimiliano La Torre – sotto processo in India. La materia è delicata assai ma infliggere ai lagunari un simile sbaffo di retorica è ben più che un lapsus, è un ossimoro, insomma: un raddoppio di pena.

Una cosa così può essere dedicata alle “due Simone”, all’epica di “Carlo Giuliani-ragazzo” o magari – e perché no? – alle recenti vicende di Gianluca Gemelli, l’ex compagno dell’incolpevole Federica Guidi, dedito alle sorti del porto di Augusta come un tempo, preparando la Resistenza, gli ammiragli felloni di Navi e Poltrone (di Antonio Trizzino, edizioni Longanesi; leggetelo, e santificate San Marco).

 

Roma, 23 aprile 2016

fonte IlFoglio

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteTutte le strade che portano al Cav.
Prossimo articoloLa politica deve reagire all'offensiva mediatica dei magistrati