Condividi

Il sindaco Matteo Viacava ha firmato un’ordinanza che vieta di nutrire e offrire mangime a gabbiani, piccioni e, in generale, a tutta la popolazione aviaria

Genova – Il sindaco di Portofino Matteo Viacava ha dichiarato guerra a piccioni, gabbiani e volatili di vario tipo che infestano uno dei borghi più amati della Liguria. Per contrastare il fenomeno, infatti, il primo cittadino ha firmato un’ordinanza che vieta di nutrire e offrire mangime a gabbiani, piccioni e, in generale, a tutta la popolazione aviaria, con sanzioni per i trasgressori dai 50 ai 500 euro.

Ecco il testo dell’ordinanza: “Considerato che la presenza nel borgo di Portofino di piccioni è in continuo aumento e che il suddetto fenomeno deve essere contrastato soprattutto per motivi igienico-sanitari per il possibile pericolo di trasmissione all’uomo di malattie infettive e parassitarie, per il pericolo di danno e degrado a carico di edifici pubblici e privati, nonché per salvaguardare il decoro urbano in relazione ad insudiciamenti di balconi e marciapiedi”

“Preso atto che è invalsa la quotidiana abitudine di distribuire cibo ai piccioni aumentando, di fatto, in modo innaturale, la loro capacità di riproduzione, contribuendo così ad aggravare un fenomeno che può arrecare seri danni alla collettività”

“Considerato che l’Amministrazione comunale è in procinto di avviare un progetto finalizzato alla riduzione e contenimento della popolazione dei colombi nel Borgo di Portofino per l’attuazione del quale è necessario predisporre nuove ed ulteriori misure cautelari ad incremento di quelle già esistenti richiedendo un impegno di tutti i proprietari, amministratori di edifici nella manutenzione degli immobili e nella loro interdizione ai colombi, nonché all’astensione di cittadini e turisti dall’alimentare in maniera incontrollata gli stessi colombi tramite indiscriminato cospargimento di alimenti di varia natura all’interno delle aree urbane”

Ordina

1) È fatto divieto a chiunque, di fornire alimenti ai piccioni e, in generale a tutta la popolazione aviaria, con espresso divieto di depositare o gettare al suolo e nello specchio acqueo portuale mangime, scarti, avanzi alimentari in tutto il centro abitato del Borgo di Portofino sia su suolo pubblico, privato che in area demaniale onde evitare il richiamo, la permanenza e la proliferazione in luogo di detti volatili;

2) ai proprietari di edifici situati in ambito urbano e a chiunque a qualsiasi titolo vanti diritti reali su immobili nell’ambito del territorio urbano esposti alla nidificazione e allo stazionamento di piccioni di:

– provvedere a propria cura e spese e nel più breve tempo possibile, al risanamento e alla ripulitura periodica dei locali e degli anfratti nei quali i piccioni abbiano nidificato e depositato guano;

– provvedere mediante apposizione di griglie o reti che non contrastino con normative edilizie all’immediata chiusura di tutte le aperture di areazione e di accessi attraverso i quali i piccioni possano ivi introdursi e trovare riparo o luogo per la nidificazione;

– impedire la sosta abituale o permanente dei piccioni sui terrazzi o sui davanzali e nei cortili;

– mantenere perfettamente pulite da guano o piccioni morti le aree private sottostanti i fabbricati e le strutture interessate dalla presenza di piccioni”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteParaguay, rivolta contro il presidente e fiamme in Parlamento: un morto e 30 feriti
Prossimo articoloAutovelox: abolito l’obbligo del cartello con l’avviso