Condividi

Un uomo è morto in Messico a causa di un’infezione dopo aver fatto un tatuaggio. Il 31enne, non identificato, ha ignorato il consiglio del tatuatore, che gli aveva intimato di stare alla larga da mare e piscina per almeno due settimane. L’uomo ha però deciso di farsi un tuffo nelle calde acque del Golfo del Messico dopo soli cinque giorni ed è poi morto a causa di una sepsi dovuta all’infezione.

Il giorno dopo la nuotata infatti, l’uomo è stato colto da febbre e brividi oltre a presentare un vistoso e preoccupante arrossamento cutaneo nella zona interessata dal tatuaggio. Le sue condizioni sono poi peggiorate nei successivi due giorni, fino al ricovero in ospedale. A preoccupare maggiormente i medici dell’ospedale erano le petecchie sulle gambe dell’uomo – divenute nel frattempo color porpora – tipiche dell’infezione da vibrio vulnificus, un batterio Gram-negativo che infetta ferite esposte all’acqua di mare, soprattutto in individui che, come la vittima, hanno problemi al fegato.

L’uomo infatti in passato aveva sofferto anche di cirrosi epatica per via del suo largo consumo di bevande alcoliche (circa 6 birre da 340 ml al giorno).

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteArriva l'estate. Come scegliere meloni e angurie maturi
Prossimo articoloSchianto in bicicletta: muore l'imprenditore William Ganzaroli