Condividi

Il caso di Angelo Peveri, l’imprenditore di Sarmato per il quale la Corte di Cassazione ha confermato la condanna a 4 anni e 6 mesi di reclusione per aver sparato con un fucile a pompa e ferito un ladro romeno che il 5 ottobre 2011 stava rubando il gasolio da un mezzo della sua ditta in un cantiere alla Mottaziana di Borgonovo, sta facendo discutere in tutta Italia. a sua storia e quella del suo dipendente Gheorge Batezatu, di nazionalità romena – che ha subito la medesima condanna a 4 anni e 2 mesi – ha provocato le reazioni del mondo politico e della gente comune.

“Mi sento un coglione: vado in galera mentre i ladri sono liberi“. Sono state queste le ultime parole da uomo libero, intervistato dalla trasmissione La Zanzara di Radio 24. Nel tardo pomeriggio di martedì 19 febbraio Peveri e Gheorge Botezatu, condannati in via definitiva per tentato omicidio, si sono consegnati ai carabinieri di via Beverora per essere arrestati e portati in carcere alle Novate.

“Sapevamo che tutto questo sarebbe potuto succedere, ma non ce l’aspettavamo”. ha affermato all’AdnKronos Martina Peveri, la figlia 25enne di Angelo Peveri, l’imprenditore che il 6 ottobre 2011 sparò con un fucile a una banda di ladri sorpresi a rubare nel suo cantiere di Borgonovo Val Tidone (Piacenza) ferendone uno e che è stato condannato in via definitiva a 4 anni e sei mesi per tentato omicidio. A questo punto “è difficile avere fiducia nella giustizia, ma è giusto crederci”, sottolinea.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedente"Agenti sempre più poveri, costretti a pagare l'affitto arretrato dell'alloggio in caserma"
Prossimo articoloLa notizia "Guardia Giurata uccisa alla stazione di Roma Termini" è una bufala, ma ha fatto il giro delle bacheche facebook e di whatsapp