Condividi

La Commissione Trasporti del Parlamento Europeo ha approvato diversi emendamenti in tema di circolazione stradale, tra cui uno in particolare che riguarda l’Euro-bollo, una tassa di proprietà uguale per tutti gli Stati membri. Lo spiega il sito segugio.it

I provvedimenti allo studio riguardano anche l’utilizzo dei veicoli puliti (e a basso consumo energetico per il trasporto su strada) e il Telepedaggio Europeo, un unico congegno per pagare i pedaggi in tutti i Paesi UE che potrebbe far risparmiare circa 370 milioni di euro a cittadini e imprese.

Bollo europeo, cosa cambia?

L’Europa prevede che ogni Paese applichi un sistema di tassazione per cui il pagamento dipenda dalle emissioni inquinanti del mezzo e dai chilometri percorsi.

Per questo sistema sarà necessario che i veicoli siano equipaggiati da una sorta di scatola nera sulla propria vettura. Il nuovo bollo europeo dovrebbe essere introdotto dal 2023 per i veicoli pesanti e i furgoni merci oltre le 2.4 tonnellate mentre per le auto il termine sale al 2026.

“La proposta”, commenta la responsabile del dossier Christine Revault d’Allonnes, “è un punto di svolta per raggiungere l’obiettivo del Libro bianco sui trasporti, ossia passare alla piena applicazione dei principi del ‘chi inquina paga’ e del ‘chi usa paga’”.

Come si calcola l’attuale bollo

L’importo viene stabilito in base a due elementi: la potenza del veicolo (espressa in kilowatt) e al suo impatto sull’ambiente (Euro 0, Euro 1, Euro 2 e così via).

È una tassa di possesso obbligatoria per tutti i proprietari di mezzi a motore iscritti al PRA (il Pubblico Registro Automobilistico), che deve essere pagata indipendentemente dal fatto che il veicolo si utilizzi o meno.

Le scadenze da rispettare

Il bollo auto cade nei mesi di aprile, agosto e dicembre. Il pagamento invece deve essere effettuato entro il mese successivo alla scadenza

se quest’ultima è stata lo scorso 31 dicembre, il termine per versarlo è stato il 31 gennaio di quest’anno.

 

 

Questo metodo si applica in 18 delle 20 Regioni italiane, visto che in Piemonte e in Lombardia il bollo deve essere rinnovato l’anno successivo all’immatricolazione dell’auto (ma sempre l’ultimo giorno del mese seguente alla scadenza).

Quanto detto per i due territori vale anche per le moto, mentre per tutte le altre aree il termine cade nei mesi di gennaio e luglio.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedentePostepay: segnalate nuove truffe online, gli hacker violano la carta di credito
Prossimo articoloPoliziotto aggredito a colpi di sedia finisce in ospedale