Bologna: “abusa di due donne, fermato irregolare con due espulsioni”

E’ stato fermato per violenza sessuale aggravata un 27enne immigrato irregolare, Y.M., bloccato dai carabinieri in un casolare, in periferia a Bologna. L’uomo avrebbe abusato di due donne, una 23enne bolognese e una 33enne originaria del Marocco. In entrambi i casi avrebbe minacciato di morte le vittime e le avrebbe portate nel casolare. Il 27enne non è destinatario di alcun permesso di soggiorno, ha un alias libico e uno marocchino e ha a suo carico due decreti di espulsione.

Le indagini hanno ricostruito i due episodi. Il 15 aprile una 23enne, che conosceva già l’uomo, lo stava aspettando fuori da un casolare in disuso in via Zanardi. Probabilmente, a quanto si apprende, per acquistare sostanza stupefacente. Non vedendolo uscire, la giovane è entrata e il 27enne l’ha aggredita alle spalle, le ha stretto le mani al collo minacciandola di morte e l’ha violentata. La ragazza è riuscita a divincolarsi con forza e a scappare. Erano circa le 2.30 di notte quando è entrata in un ristorante per chiedere aiuto. Trasferita all’ospedale Maggiore, ha avuto sette giorni di prognosi.

Il 20 aprile, alle 20 circa, una 33enne marocchina, davanti a un negozio di alimentari in via Zanardi, secondo i Carabinieri, ha visto il 27enne che stava videochiamando un’amica. I due hanno iniziato a parlare e l’uomo, con la scusa di invitarla a fare visita alla conoscente in comune, l’ha convinta a seguirlo allo stesso casolare. Entrati, l’ha minacciata con un coltello da cucina e ha abusato di lei. Dopo avere finto un malore, la 33enne è scappata in strada, ha fermato un’auto ed e’ salita. Il conducente l’ha accompagnata dai Carabinieri. Anche lei è stata medicata al Maggiore, e ha avuto 20 giorni di prognosi. Il 27enne risponderà anche di rapina aggravata per avere rubato la borsa alla donna. (fonte e foto tgcom24)

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche