Condividi

Si va dal concorso per 80 Commissari di Polizia, già uscito nel mese di dicembre 2018, a quello per Allievi Marescialli dei Carabinieri per almeno 600 unità, fino al nuovo concorso per Allievi Carabinieri che solo l’anno scorso, aveva previsto un contingente di 2000 unità, poi incrementato a 2300. E ancora, il concorso per Maresciallo della Guardia di Finanza che potrebbe superare le 450 unità fino ad un ulteriore concorso per diventare Allievo Agente della Polizia Penitenziaria, fondamentale per sopperire la carenza di agenti nelle nostre carceri. Senza dimenticare che sono già usciti a fine anno i concorsi per le Accademie Militare di Modena, Accademia dell’Aeronautica e della Marina Militare.

E’ questo il quadro che si delinea per le Forze Armate e non solo per il 2019.

“I concorsi rappresenteranno una grande opportunità per quei giovani, uomini e donne, che sognano di indossare una divisa ed aspirano a ricoprire i massimi gradi al vertice delle rispettive istituzioni”, commenta l’avvocato Manlio Caruso, presidente della Fondazione Astrea, specializzata nell’accesso ai concorsi delle Forze Armate e di Polizia e delle Professioni Legali (Magistrati, Notai e Avvocati).

Leggi anche:  Prostituzione, maxi blitz dei carabinieri

D’altra parte per tutto il 2018 si è messa in evidenza una vera e propria cronicità nella carenza degli organici delle Forze Armate e di Polizia – sottolinea nella propria analisi la Fondazione Astrea. “Dal Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, dal Capo della Polizia, il Prefetto Gabrielli, tutti hanno evidenziato la necessità di aumentare gli organici proprio per rispondere agli allarmanti e dilaganti fenomeni del terrorismo internazionale e di matrice jihadista. Un aiuto arriva anche da parte del ministro dell’Interno Matteo Salvini che ha fatto del decreto Sicurezza una vera e propria bandiera. Il provvedimento prevede un rinforzo degli organici delle Forze di Polizia e lo scorrimento delle graduatorie dei concorsi che si sono svolti nel corso del 2018”.

Leggi anche:  Carabinieri. Così si addestrano le Api, angeli custodi anti-terrore

GLI SCENARI

“Quando si sceglie questa strada, bisogna avere la consapevolezza del ruolo che si andrà a ricoprire, del lavoro che si andrà a svolgere, che ci si avvia ad una professione nella quale si sa quando si esce la mattina per servizio, ma non si sa quando si tornerà la sera.

Ambire ad una professione del genere significa che, se un domani si viene inviato in zone a rischio, anche soltanto il fatto di indossare una divisa, può costituire un fattore di pericolo. Non basta pertanto farsi “cullare” dall’idea del posto fisso e dello stipendio certo a fine mese”, conclude Caruso.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteCarabinieri, nel 2018 oltre 4000 arresti e 890 chili di droga sequestrati del Comando Provinciale di Milano
Prossimo articolo2019, ecco tutti i ponti e le festività che ci aspettano

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.