Condividi

Un fulmine a ciel sereno quello della morte improvvisa oggi pomeriggio di don Claudio Gioppo, il prete alpino paracadutista con quasi 52 anni di sacerdozio passati tra terra e cielo, che da poco aveva compiuto 81 anni. Ne parla il sito AltoVicentino
Nato a Chiuppano il 28 novembre 1937, è stato ordinato sacerdote salesiano dal vescovo di Padova mons. Girolamo Bortignon il 18 marzo 1967 a Monteortone, ai piedi dei Colli Euganei. Incardinato nella diocesi di Padova dal 2008 è stato collaboratore instancabile del vicariato di Thiene mettendosi a disposizione di tutte le parrocchie specialmente a Calvene, che considerava da sempre la “sua” parrocchia, Mortisa di Lugo e Covalo di Lusiana collaborando con generosità indefessa fino a pochi giorni fa con il parroco don Giancarlo Cantarello.

Vero montanaro nel fisico e nello spirito, figura di grande carisma, è stato capo servizio assistenza spirituale del 4° Corpo d’Armata Alpino, diventando cappellano militare con la missione di seguire le giovani leve.

Leggi anche:  Morte di Emanuele Scieri: la procura militare chiede atti

Una vita di dedizione passata fianco a fianco dei giovani, secondo lo spirito del suo maestro san Giovanni Bosco, assistendoli spiritualmente sia nelle caserme che nelle missioni all’estero; aveva frequentato un corso di specializzazione, prima a Bolzano e poi a Pisa, diventando un alpino paracadutista, ottenendo successivamente i brevetti di direttore di lancio, ripiegature e aviorifornitore con centinaia di lanci alle spalle.

Ombra costante dei paracadutisti ai quali forniva ascolto e comprensione, è stato un punto di riferimento fondamentale nel 1991 in Kurdistan, per il gruppo tattico dei parà della Folgore impegnati nella missione di soccorso umanitario ‘ItalforAirone’, ricevendo l’anno successivo la croce di bronzo al merito dell’esercito; per i ‘suoi ragazzi’ paracadutisti aveva scritto di suo pugno persino la ‘Preghiera dell’alpino paracadutista’.

Leggi anche:  Luglio 1993. A Mogadiscio fu strage di soldati Italiani: un doveroso ricordo

Lasciata la Folgore nel 1992 per motivi familiari era rientrato a Padova al comando artiglieria, poi a Mantova ed, infine, era ritornato dove tutto ebbe inizio, a Bolzano, tra i suoi alpini paracadutisti dove è rimasto sette anni, fino al 28 novembre del 1999 quando si è congedato col grado di tenente colonnello.

Oggi l’ultimo volo di don Claudio è stato verso l’eternità; la liturgia funebre, presieduta dal Vicario Generale di Padova, don Giuliano Zatti, sarà celebrata sabato mattina nella chiesa parrocchiale di Chiuppano dove oggi a piangerlo è il giovane parroco don Loris Gasparella: “Ci volevamo bene a vicenda soprattutto in questi tre anni in cui abbiamo collaborato assieme; passava spesso in canonica a bere il caffè, dopo magari aver celebrato anche quattro, cinque Eucarestie festive”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteAncora un affronto: viaggia senza biglietto, poi urina sull'auto dei carabinieri
Prossimo articoloL'appuntato Fernando Palazzo non ce l'ha fatta, Arma dei Carabinieri in lutto

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.