Condividi
 Via le monete da uno e due centesimi di euro. E’ quanto propone l’emendamento, a prima firma Boccadutri, presentato alla cosiddetta “manovrina”

Via le monete da uno e due centesimi di euro. E’ quanto propone l’emendamento, a prima firma Boccadutri, presentato alla cosiddetta “manovrina”.

 “A far data dal 1o gennaio 2018 è sospeso il conio delle monete da 1 e 2 centesimi – si legge nel testo – Il risparmio derivante dagli effetti della norma è destinato al Fondo per l’ammortamento dei titoli di Stato”. Con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, da adottarsi entro il primo settembre 2017, – si legge nel decreto- si stabiliscono le modalità attraverso cui i pagamenti effettuati in contanti sono arrotondati nel periodo di sospensione”. Sempre nella manovrina arriva la stretta contro l’evasione del bollo auto.
Dal prossimo anno per poter procedere alla revisione del veicolo sarà necessario presentare la ricevuta del pagamento, per l’anno in corso e i precedenti, della tassa di proprietà, della tassa di circolazione e della situazione di fermi amministrativo. È quanto prevede un emendamento alla manovrina di correzione dei conti presentato da alcuni deputati del Pd, primo firmatario Francesco Ribaudo. Nel caso di mancati pagamenti non si potrà procedere con la revisione e il proprietario dovrà subito mettersi in regola.
Giornale
Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteMeteo. Tornano le piogge e si abbassano le temperature
Prossimo articoloIo soldato e gli amici imboscati. Quell'utilissima perdita di tempo