Selfie vietati a medici, magistrati, Forze dell’Ordine e Forze Armate: nuove sanzioni per l’uso scorretto dei social

Selfie vietati a medici, Forze Armate e magistrati: nuove sanzioni per l’uso scorretto dei social

Selfie vietati negli ospedali per medici e infermieri italiani: questa la decisione del Ministero della Salute che in questi giorni ha inviato una nota all’Ordine dei medici e al collegio degli infermieri con l’obiettivo di eliminare la moda dell’autoscatto nelle strutture ospedaliere.

Ma i professionisti nel settore sanitario non sono gli unici ai quali è stato vietato di scattarsi un selfie in servizio e di postarlo sui social network. Già da diversi anni, infatti, i selfie sono vietati al personale delle Forze Armate e specialmente carabinieri e guardia di finanza hanno stabilito diverse sanzioni per chi usa scorrettamente i social network, come ad esempio Facebook.

Inoltre, nei mesi scorsi anche il TAR di Trieste ha ribadito il divieto per Forze Armate e di Polizia di postare foto di loro in servizio, poiché potrebbero essere lesive del prestigio militare.

Novità anche per i magistrati, con il CSM che starebbe pensando di introdurre delle nuove norme per limitare l’uso dei social network, alla luce degli ultimi episodi nei quali dei professionisti hanno approfittato dello spazio offerto da Facebook per contestare persone o sentenze.

Negli ultimi anni quindi smartphone e social network hanno rivoluzionato non solo il modo di vivere delle persone, ma anche il loro comportamento sul lavoro.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche