Addio ai VIRUS INTESTINALI e ai PARASSITI. LA SCOPERTA: BASTA BERE UN BICCHIERE DI QUESTO E RISOLVI TUTTO! ECCO DI COSA SI TRATTA

Programma di mantenimento antiparassitario
Assumere i prodotti in diversi momenti della giornata od insieme:
1 – Tintura extra forte di Mallo di noce nera: 2 cucchiaini da tè in acqua a stomaco vuoto, prima del pasto o di coricarsi.
2 – Capsule di Assenzio: sette capsule (con 200-300 mg di Artemisia ciascuna) una volta al giorno a stomaco vuoto.
3 – Chiodi di Garofano: 3 capsule (circa 500 mg ciascuna) una volta al giorno a stomaco vuoto.
4 – Si prenda l’Ornitina, se si soffre di insonnia.

Per i bambini
I bambini devono seguire lo stesso programma antiparassitario degli adulti per la durata di 5 giorni.
Al 6° giorno invece che i 2 cucchiaini da tè devono prendere la seguente dose:
La niacinamide (no la niacina) serve per disintossicare dall‘alcol della tintura.
Si può smorzare, se necessario, il sapore forte della tintura mescolandola con miele.
Occasionalmente una piccola quantità di niacina entra nella compressa di niacinamide e provoca un arrossamento; è innocuo e passa presto.
I bambini vanno deparassitati 2 volte all’anno o tutte le volte che si ammalano.
In caso di tumore nell’infanzia, si deve seguire un programma molto più energico.
Il dosaggio dovrebbe essere aumentato fino a 16 cucchiaini da tè – di tintura di mallo -, se necessario.
Prima di prendere la dose di 16 cucchiaini da tè – vedi: Teniasi

Assenzio e chiodi di garofano:
Si somministra la dose in ragione di tanti giorni quanti sono gli anni del piccolo.
Esempio: a 4 anni di età si segue il programma dell’adulto fino al 4°giorno e poi ci si ferma.
Non è consigliabile per i bambini, sottoporli ad un dosaggio di mantenimento di Assenzio e di chiodi di Garofano.
E’ meglio farli assumere durante il periodo parassiticida o quando il bimbo è malato.
Nel caso di cancro nell’infanzia, non è necessario aumentare la dose come con la tintura di mallo di Noce.

Per gli animali domestici
Gli animali domestici vanno soggetti agli stessi parassiti dell’uomo, (anche perché mangiano facilmente cibi cotti) compresi gli ascaridi (i comuni nematelminti), l’anchilostoma duodenale, la trichina, gli strongiloidi, la dirofilaria che è una varietà di Tenia.
Tutti gli animali domestici che vivono nella casa dovrebbero essere deparassitati e tenuti costantemente in un programma antiparassitario. L’alimentazione non deve essere cotta e/o industrializzata.
Non è necessario sbarazzarsi degli animali domestici per rimanere esenti dai parassiti.
Anche quando sono ammalati è meglio lasciarli fuori casa fino alla guarigione.
L’animale domestico quando fa parte della famiglia va tenuto, pulito e sano come le persone, ma fuori casa.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche