Condividi

La notizia è partita da Damasco; riportata dai media arabi, sta rimbalzando anche attraverso alcune agenzie occidentali.

Nel pomeriggio del 12 aprile, un attacco di aerei della Coalizione a guida USA portato contro postazioni dello Stato Islamico, avrebbe colpito un deposito di armi chimiche, provocando una strage tra miliziani e civili. L’attacco è stato condotto nella periferia orientale della città, roccaforte dell’esercito siriano, circondata da 4 anni dalle orde del Califfato.

Fonti locali parlano di un grande incendio divampato in serata  da cui si sarebbe sviluppata poi una grande nube. Damasco parla di “centinaia tra morti e feriti”, sia tra i miliziani del Califfato che tra i civili, ma i dati non hanno trovato conferma da fonti indipendenti. CONTINUA A LEGGERE

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedentePrima casa e auto non fanno più reddito. La Sentenza
Prossimo articoloPullman pieno di turisti si schianta contro un'autocisterna: è una strage, oltre 20 morti