L’aerosol per il raffreddore nei bambini è inutile: “In alcuni casi può essere anche dannoso”

Cosa da diffondere e spiegare ben più importante del battage contro l’aerosol come, ad esempio, l’uso di mucolitici di sedativi della tosse, come la codeina nei bambini nei primi anni di vita.

Ma effetti dannosi possono averli anche i vecchi cataplasmi caldi e i fumenti (rischio di ustioni) o di sostanze con canfora applicate e frizionate sul torace.”

Se il bimbo ha il raffreddore – afferma anchew Susanna Esposito – in pratica, l’aerosol non serve a nulla e, il più delle volte, rappresenta anche una vera scocciatura per il piccolo paziente.

Nel caso di raffreddamenti, lavaggi nasali, un abbondante consumo di acqua, un controllo della temperatura in casa, sono spesso molto più utili ed efficaci come “trattamenti”.

Ovviamente questo non significa che l’aerosol sia inutile, anzi in alcune patologie è un rimedio indispensabile:

“Ha senso – continua la esposito su l’infettivologa al Corriere.it – per la cura della bronchiolite, della bronchite asmatica e della laringite,

al contrario non serve nella rinofaringite, nella faringo/tonsillite e nell’otite media acuta, i comuni malanni di stagione”