Condividi

Agenti penitenziari accerchiati e minacciati con le lamette dai detenuti che non volevano rientrare nelle celle

Agenti penitenziari accerchiati e minacciati con le lamette dai detenuti che non volevano rientrare nelle celle

Ancora un gravissimo episodio nelle carceri italiane.

Questa volta siamo a Bologna, dove diversi agenti penitenziari sono stati accerchiati e aggrediti con delle lamette da alcuni detenuti che non volevano rientrare nelle proprie celle.

 

 

Il gravissimo episodio si è verificato ieri, a causa di quattro detenuti del primo piano giudiziario, che si erano rifiutati di rientrare nelle rispettive camere detentive al termine della socialità a celle aperte”.

Lo racconta un sindacato di Polizia Penitenziaria a Bologna Today, che ha inviato una lettera agli organi competenti

“In pochi minuti, hanno accerchiato i poliziotti presenti, minacciandoli con delle lamette in uso alla popolazione detenute”.

Già in passato i penitenziari avevano denunciato le condizioni problematiche di quell’area del carcere e ancora una volta “forse in preda ai fumi dell’alcool, dalle parole sono passati ai fatti.

 

 

I poliziotti hanno riportato contusioni per diverse parti del corpo con prognosi dieci giorni”

quindi si parla ancora della sezione “tristemente famosa per la produzione artigianale di distillati alcolici, con tutti i rischi connessi a una siffatta condotta”.“

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteFamiglia truffata per il cane destinato al figlio malato, ci pensa la Polizia a regalargli un cucciolo
Prossimo articoloFugge al controllo di una volante e trascina un poliziotto attaccato all'auto: inseguimento e manette