Condividi

Un week end di violenza e sangue. Tre episodi tratti dalla cronaca locale, ma non certo gli unici. Sangue a Ventimiglia, Casale Monferrato e Santa Maria a Cubito. 

Prima avrebbe vandalizzato un portone, poi ha aggredito tre persone a sprangate.

Un giovane è stato fermato, a Casale Monferrato, nel pomeriggio di sabato, in pieno centro.

A fermare l’uomo è stato l’intervento di un agente della Polizia locale, fuori servizio, che ha allertato polizia e carabinieri. L’aggressore, ospite in una comunità per rifugiati, è stato fermato e portato al reparto di psichiatria, sotto custodia.

Immagine di repertorio

In ospedale sono state portate anche le vittime dell’aggressione, soccorsi dal 118.

Nella giornata di Domenica invece, un algerino di 38 anni, irregolare sul territorio italiano, è stato arrestato a Santa Maria a Cubito con le accuse di tentato omicidio, estorsione, resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento.

LEGGI ANCHE: FarWestItalia, un uomo è stato aggredito a colpi di machete

Nelle stesse ore a Ventimiglia una rissa fra tre nordafricani senza fissa dimora e da diversi anni in Italia.

Stando a quanto ricostruito dai militari dell’Arma, i due tunisini (di 29 e 41 anni, di cui uno pregiudicato) hanno rubato il panino al 53enne marocchino, anch’esso pregiudicato, che, per vendicarsi, ha preso una spranga di ferro e ha iniziato a colpire in testa uno dei due avversari.

A quel punto, in aiuto del connazionale, il secondo tunisino ha spaccato una bottiglia di vetro per colpire l’aggressore con il collo tagliente del recipiente.

LEGGI ANCHE: Pregiudicato ruba il panino a un altro pregiudicato che per vendetta lo prende a sprangate. Un altro estrae una bottiglia di vetro

Due i feriti gravi, trasportati in ospedale.

Articolo precedenteFermati in strada spaccano il naso a due poliziotti. Agenti finiscono in ospedale
Prossimo articoloSparano in faccia a un poliziotto papà di 3 figli, è vivo per miracolo: "non pensi mai che potrebbe accadere a te"

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.