Condividi

C_2_articolo_1119330_imageppTorino, 24 settembre 2013 – Francesco Furchì, il faccendiere in carcere per l’agguato al consigliere comunale torinese Alberto Musy, potrebbe avere un complice.

A ipotizzarlo è un fascicolo, aperto dalla Procura di Torino, al momento contro ignoti: ne ha rivelato l’esistenza il pm Roberto Furlan, che in Aula ha risposto alla difesa di Furchì, la quale aveva chiesto di annullare la richiesta di rinvio a giudizio del faccendiere in quanto non a conoscenza di alcuni atti.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteLascia vagare nuda sorella con disagio, omissione di soccorso
Prossimo articoloUcciso dalla stanghetta degli occhiali