Senzatetto bruciato vivo: “Mio zio ucciso come un ratto, non c’è giustizia, considerato meno di zero perchè clochard”

Dopo la lettura dell’ordinanza Salah Fdil ha imprecato e il giudice lo ha cacciato dall’aula, ma adesso è tornato a puntare il dito contro una giustizia che “non è giustizia, perché mio zio è considerato meno di zero, è morto bruciato vivo ma nessuno pagherà per questo delitto orrendo”. “Mi aspettavo giustizia, solo quello. Non chiedo vendetta. Invece mi vergogno di questa sentenza, inaccettabile per l’Italia – conclude -. Un sistema giudiziario che non rispetta gli essere umani oltraggia la vostra bandiera”.