Condividi

Hanno rubato un sogno e la carriera ad Alex Schwazer? – questa è la domanda che si pone liberoquotidiano di oggi, che porta a galla una nota e triste vicenda. Era il 21 giugno 2016 quando venne scoperta la positività al doping del marciatore. Positività da subito molto sospetta: da quel giorno il marciatore e il suo staff si sono battuti per portare a galla la verità. Secondo loro, infatti, le urine sarebbero state manomesse. Insomma, Schwazer sarebbe stato incastrato per un losco gioco di potere.

E ora, al riguardo, spuntano delle prove pesantissime. Infatti, come riporta ilsussidiario.net – ripreso da liberoquotidiano – il Ris di Parma è riuscito a mettere le mani le famose provette e l’analisi è già iniziata.

Il verdetto – scrive Libero – però, arriverà solo a settembre. Aspettando l’ufficialità, secondo le indiscrezioni che sono filtrate, si riscontrerebbe una “concentrazione anomala di Dna dello stesso Schwazer. Le urine conservate a -20 gradi dopo una settimana riducono a 1/7 il valore quantitativo del Dna – si legge nell’articolo -.

Dopo 26 mesi dovrebbero contenere ancora al massimo qualche nanogrammo. Il Dna di Schwazer presenta invece una concentrazione centinaia (campione A) o migliaia (campione B) di volte superiore alla norma”.

Risultati immagini per Alex Schwazer carabinieri

Questa quantità eccessiva di Dna sarebbe stata “generata” nei laboratori della Iaaf e del Laboratorio di Colonia, che avrebbero sottratto da altri campioni positivi le sostanze “incriminate” per metterle nelle urine di Schwazer.

Una ricostruzione clamorosa, che confermerebbe il terrificante sospetto: la squalifica alle Olimpiadi di Rio de Janeiro del 2016 sarebbe stata frutto di un complotto.

Se le indiscrezioni venissero confermate, lo stop di 8 anni imposto al marciatore potrebbe essere revocato. Ma è troppo tardi: Schwazer, infatti, ha chiuso con la disciplina che troppi dolori gli ha procurato. Eppure, c’è da scommetterci, attenderà con ansia il verdetto di settembre. Perché se il complotto verrà dimostrato, qualcuno dovrà pagare.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteColpo della Polizia di Stato: arrestati proprio mentre stavano per compiere un furto. Cinque in manette
Prossimo articoloCoas a Viareggio: aggredisce un uomo senza motivo e pesta gli agenti in strada