Condividi

Bloccata per la prima volta in laboratorio l’azione tossica di una proteina che favorisce l’accumulo delle placche di beta amiloide nelle cellule, un traguardo che potrebbe portare a un rivoluzionario vaccino (o a un altro tipo di farmaco) in grado di prevenire dal 50 percento all’80 percento dei casi di Alzheimer, la forma di demenza più diagnosticata al mondo. A riuscire nell’impresa un team di studiosi del Centro per la ricerca di neurodegenerazione traslazionale e del Medical Center presso l’Università del Texas Sudoccidentale di Dallas.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteNapoli, ragazza violentata in spiaggia: 8 minori tornano liberi, estinto il reato
Prossimo articoloMorta a 92 anni, abbandonata in ospedale, la nonnina che la famiglia non voleva più

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.