Condividi

La busta paga del pompiere-eroe del terremoto di Ischia: “Più tasse che stipendio”

La storia di Marco è una delle tante che potrebbero essere raccontate da altrettanti servitori dello stato.

Marco è un vigile del fuoco d’esperienza, e che esperienza!

Fa parte dei cosiddetti Usar (Urban search and rescue) cioò quegli operatori specializzati nel cercare e salvare persone nelle zone terremotate.

Negli ultimi anni infatti si è trovato nelle situazioni più complesse che il territorio e la cronaca italiana abbiano offerto. Terremoti, valanghe, alluvioni.

Leggi anche:  Tav: attentato, a fuoco tre betoniere

 

 

La sua esperienza spazia dai soccorsi all’hotel Rigopiano fino al terremoto di Ischia.

Uomo concreto e senza tanti peli sulla lingua, uno che le cose te le dice in faccia, senza mandarle a dire. Come è accaduto anche questa volta, usando facebook

Come riporta infatti Fanpage, questa volta lo sfogo arriva direttamente dai social

“La vergogna: questo mese abbiamo preso più di trattenute che di stipendio e tredicesima” ha scritto il pompiere pubblicando il cedolino mensile: 2.429 euro di tasse, trattenute, imposte e 2.300 euro circa di stipendio netto.

Leggi anche:  Paura incendio in maremma, evacuate 110 abitazioni

 

Nei giorni successivi però, sempre fiero del suo mestiere, non ha mancato di pubblicare, sempre sul social, sue foto durante il lavoro assieme ai colleghi

Perchè il pompiere, paura non ne ha, ma soprattutto “ha un fegato così”

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteIgor il russo, l'agente e il gesto da eroe: mentre moriva avvisò i rinforzi
Prossimo articoloCon trenta chili di Marijuana in macchina e 9mila euro in contanti: la Polizia azzera un giro di spaccio