Condividi

Nel Dicembre 2017 e nei primi giorni di Gennaio 2019, perirono in servizio due bravi poliziotti e padri di famiglia. Si chiamavano Giuseppe Beolchi, in servizio alla stradale Guardamiglio e Angelo Spadaro, caduto nell’adempimento del dovere solo poche ore fa lungo la Catania Messina. E’ di poche ore fa poi la notizia della tragica scomparsa di Vincenzo Di Gennaro, di 47 anni, freddato con colpi all’addome e al torace da un pregiudicato a Cagnano Varano

E allora riproponiamo, ancora una volta, lo sfogo di un collega poliziotto

“MA CHI CAZZO CE LO FA FARE….Abbiamo stipendi grazie ai quali le nostre famiglie sopravvivono, piuttosto che vivere;abbiamo un regolamento che ci rende soggetti a continue sanzioni disciplinari, per molte delle quali il tribunale dell’Aja impallidirebbe, se solo sapesse;
siamo bersagli mobili per la criminalità organizzata e anche per quella disorganizzata;
molti di noi passano anni prima di potere tornare a lavorare nelle loro città di origine e vivere con le proprie famiglie, perdendosi gli anni più belli dei loro figli; durante le manifestazioni veniamo derisi, offesi, dileggiati e vilipesi;
siamo chiamati a risolvere tutti i tipi di problemi in pochi istanti e senza possibilità di sbagliare, altrimenti per noi si aprono lunghi processi e grandi umiliazioni;

1 foto alto a sinistra: la pattuglia dei Carabinieri sulla quale morì Luca di Pietra (Piacenza, 29 Settembre 2014) 2 foto alto a destra: pattuglia della Polizia Stradale sulla quale ha perso la vita Angelo Spadaro nel Gennaio 2019, sulla Catania-Messina 3 foto basso a sinistra: Volante sulla quale hanno perso la vita Pietro Pezzi e Nicoletta Missiroli (Ravenna, 14 Settembre 2017) 4 fotobasso a destra: Pattuglia della stradale. Vittima l’assistente Capo Giuseppe Beolchi (Piacenza, 20 Dicembre 2017)

siamo figli di uno Stato che non ci ama e spesso sembra a male pena tollerarci; siamo tacciati tutti di essere violenti, arroganti e presuntuosi perchè anche noi abbiamo al nostro interno una percentuale di idioti uguale a quella di tutte le altre categorie lavorative, e per i loro errori veniamo accusati tutti.
Ma chi cazzo ce lo fa fare, ci chiediamo ogni tanto..
Il senso del Dovere e dello Stato, quello che la maggior parte di chi ha gestito e gestisce l’Italia ignora.
Eppure, voi tutti, anche voi che ci odiate senza manco sapere perchè, potrete sempre contare su di noi.
Ci saremo anche per voi. Come oggi per soccorrere un auto in panne sulla A 24 verso Tivoli. I miei colleghi si sono fatti male, ma non sono in pericolo di vita.

Grazie a Dio e scusate la parolaccia! Condividete per fare sentire la vostra vicinanza alle forze dell’ordine!

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteCarabiniere ucciso, i colleghi coprono l'auto con il tricolore in segno di lutto
Prossimo articoloCarabiniere ucciso, il giovane collega ha provato a salvargli la vita: "la presenza di spirito di guidare verso la sede del 118"

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.