Condividi

Genova – Aveva intenzione di inseguire ed acciuffare un ladro Andrea Corsini, 25 anni, genovese. Purtroppo quel tentativo gli è stato fatale. Si era messo in sella alla propria moto all’inseguimento di un ladro che aveva visto fuggire di tutta fretta da un negozio inseguito da un dipendente

Secondo le prime ricostruzioni e le testimonianze fornite alla Polizia Municipale da alcuni testimoni, il giovane è intervenuto non appena si è accorto di quello che stava accadendo. Il 25enne lavorava nell’officina vicino all’attività commerciale derubata, una nota catena di scarpe: non ci ha pensato due volte, è salito in sella ad una moto ed è partito all’inseguimento.

Sembra però, che nella concitazione del momento non si sia messo il casco. Diverse decine di metri dopo la sua corsa si è tragicamente fermata perdendo il controllo del mezzo, Andrea è andato a sbattere rovinosamente a terra, contro un blocco di cemento

Già allertate forze dell’ordine e 118, i soccorritori sono arrivati nell’immediatezza ma ogni tentativo è purtroppo risultato vano. Il ladro è riuscito a darsi alla fuga

“quando lo prenderanno spero che non venga fuori che il ladro aveva come al solito una fedina penale lunga un chilometro e che sarebbe dovuto stare in galera” scrive un utente. “Perdere la vita per un delinquente, povero angelo, perche… sei una persona amorevole e speciale, proteggi da lassù la tua famiglia e i tuoi cagnolini che adoravi” ha invece detto una ragazza

E ancora “Che dire Andre fino all ultimo ci hai dimostrato di avere un ❤ gigante..!!! Il problema che il vuoto che hai lasciato in tutti noi sarà difficile se nn impossibile colmarlo.. ciao Andre ”

“Non è giusto morire cosi! Che possa arrivarti un mio abbraccio, mi mancherai..” ha scritto invece Paola

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteImmigrati clandestini: l'Italia non può mandare via i criminali pericolosi
Prossimo articolo"Giustizia per Anna Maria Donadio", poliziotta e mamma di cinque figli. La famiglia chiede verità e giustizia per la morte dell'agente

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.