Condividi

Milano – Non ce l’ha fatta il Carabiniere vittima dell’incidente lo scorso Venerdì a Milano. Le sue condizioni erano apparse immediatamente molto gravi, ma tutti quanti, amici, colleghi e parenti avevano sprate nel miracolo, nella ripresa che purtroppo non c’è stata

Il militare, un uomo di 37 anni in forza alle API (Aliquota Primo Intervento) dell’Arma dei Carabinieri a Milano, si chiamava Angelo Panarelli. Sono numerose su facebook le persone che lo ricordano e lo piangono

Ma cosa è accaduto quel tragico Venerdì a Milano? Era l’ora di punta quando il ragazzo, appena finito un turno di lavoro, stava rientrando a casa a bordo della propria amatissima moto. In una corsia di Viale Cassola però Angelo ha perso il controllo del mezzo andandosi a schiantare contro un semaforo. Nell’impatto, sembra aver perso anche il casco e aver riportato già da subito lesioni molto gravi.

Soccorso in pochi minuti, Angelo è stato trasportato  al Policlinico dove è spirato dopo un paio di giorni. Tra i primi a dare la notizia la pagina “puntato” dei Carabinieri che così aveva voluto ricordarlo “10 anni di servizi assieme, pattuglie, scorte, risate arresti…. In 10 anni hai SEMPRE avuto il volto sorridente, eri un mattacchione, ogni volta ci avvicinavi come se dovessi dirci qualcosa di importante e ancora prima che parlavi ridevi….E noi ogni volta ti ascoltavamo. Con interesse e curiosità per poi scoprire gia dalle tue risate che era l’ennesima battuta che solo tu potevi fare, che solo tu potevi dire! Abbiamo sperato SINO ALL’ULTIMO che il tuo corpo Possente che la tua voglia di vivere che il tuo voler ridere ti tenesse in vita..”

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedente"Rischio tsunami sul litorale romano" forze armate in campo, attiva joint task Force di Esercito e Arma dei Carabinieri per una esercitazione dimostrativa
Prossimo articoloArmando Siri è fuori dal governo: il premier Giuseppe Conte gli ha revocato l’incarico da sottosegretario