Condividi

Si è svolta nelle scorse ore a la cerimonia di giuramento di fedeltà alla Repubblica Italiana degli allievi del 1° anno della Scuola Militare “Teuliè”.

All’atto solenne, suggellato con la tradizionale formula del “Lo giuro”, erano presenti il generale di corpo d’armata Salvatore Farina, Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, il generale di corpo d’armata Pietro Serino, comandante per la Formazione,

Specializzazione e Dottrina dell’Esercito, e anche il presidente del Consiglio comunale Lamberto Bertolè a cui il comandante della ‘Teuliè’,

colonnello Gianluca Ficca, ha riconsegnato il primo Tricolore simbolo delle ‘Cinque Giornate’, di cui quest’anno ricorre il 170° anniversario

 

Un giuramento degli studenti che rappresenta valori di «patria e libertà che Milano ha da sempre difeso in prima linea» ha affermato Salvatore Farina

Tra i 72 allievi, si è levato alto il grido “lo Giuro” di Allieva Ania Ludwica, diciannovenne Spoletina, presente al I° anno della Scuola Militare “Teuliè”;

la giovane allieva, emozionatissima, ha così commentato la straordinaria esperienza vissuta questa mattina

“Per me il Giuramento rappresenta il momento più emozionante provato fino ad oggi nel quale valori come senso del dovere, rispetto delle regole e degli altri, diventano pilastri fondamentali della mia educazione”

La Scuola Militare “Teuliè”, Liceo d’elite dell’Esercito, mediante un concorso pubblico,

offre la possibilità a tutti i ragazzi e le ragazze che abbiano concluso con esito positivo il secondo anno dei Licei classico e scientifico di proseguire il triennio di studi. Peraltro, è di questi giorni la pubblicazione del bando di concorso per l’ammissione all’anno scolastico 2018 – 2019.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteEsercito Italiano: giurano nuovi allievi Teuliè. Lacrime e commozione
Prossimo articoloLa figlia morente in ospedale è in stanza con una musulmana, il padre non può entrare a farle visita