Condividi

Pur “apprezzando davvero gli sforzi del Ministro della Giustizia, On. Orlando” così “stando le cose, l’Amministrazione della giustizia resta al collasso” per le “vacanze degli organici del personale amministrativo”. Lo si legge nella relazione del Procuratore generale di Milano Roberto Alfonso per l’inaugurazione dell’Anno giudiziario. “Invochiamo – scrive il Pg – un intervento urgente e serio del Governo affinché esso adotti tutti i provvedimenti necessari per il buon funzionamento della Giustizia”.

Le infiltrazioni di una “organizzazione criminale”, che avrebbe agito per “agevolare l’associazione mafiosa denominata ‘Cosa Nostra’, nei lavori di “Fiera Milano spa” sono un fatto “assai grave per la città di Milano”. Lo scrive il procuratore generale di Milano Roberto Alfonso nella relazione per l’inaugurazione dell’Anno giudiziario che verrà letta a breve dal magistrato che, dunque, nel suo intervento fa un riferimento specifico alla recente inchiesta della Dda milanese su Fiera Milano.

“Non è lungimirante mantenere un sistema che consente l’accesso in magistratura all’età media di trenta anni, ossia superiore di molti anni rispetto al passato. Ciò è servito soltanto ad allontanare dalla magistratura giovani brillanti che hanno preferito indirizzarsi verso altre professioni piuttosto che aspettare il concorso per accedere in magistratura”. Alfonso critica il “sistema vigente” e lo boccia in quanto “esclude dalla magistratura quei giovani che provengono da famiglie non abbienti, che non possono permettersi di attendere mediamente cinque anni prima di accedere in magistratura. Tutto ciò non è accettabile perché costituisce una discriminazione dal punto di vista sociale ed economico”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteDenunciata una persona in stato di libertà per detenzione abusiva di armi
Prossimo articoloRaggi rischia il danno erariale, la sindaca lunedì dai pm