Condividi

Sono passati ben dieci anni da quando Antonino Copia, “NINO” per tutti i colleghi, ci ha tragicamente lasciato. Era appena passata la mezzanotte del 28 aprile 2009, quando la Volante 10, appena uscita della sede della Questura di Venezia si stava portando a Mestre a seguito di una segnalazione di individui sospetti. Al termine del Ponte della Libertà , l’Alfa Romeo 159 guidata da Copia, con a bordo anche l’Ispettore Capo S.S., si è schiantata contro uno dei grossi alberi che delimitano un’area verde al centro della strada appena terminato il ponte translagunare.

L’agente Copia è morto sul colpo a causa delle ferite riportate, mentre l’Ispettore, è stato immediatamente soccorso dai sanitari giunti sul posto in pochi istanti, ed oggi è di nuovo in servizio presso l’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura.

Un anno dopo, in memoria dell’Agente Copia (che all’epoca aveva 27 anni ed era originario di Catania), è stato inaugurato un cippo che ne ricorda il sacrificio ai piedi del “Ponte Europa” che collega il parco di San Giuliano alla città di Mestre, più volte preso di mira dai vandali ma sempre ricostruito. L’agente Antonino Copia prima di arruolarsi in Polizia aveva prestato servizio nell’Esercito Italiano, partecipando alla missione di pace in Kosovo.

Antonino Copia lasciò i genitori, la sorella ed il fratello e la propria fidanzata.

Nino è ogni anno ricordato dai colleghi e dei vertici della Polizia di Stato veneziana, che intendono quindi non perdere la memoria di un giovane collega che pur non essendoci più, ha lasciato un ricordo indelebile in quanti lo hanno conosciuto.

“Acab”, vandali contro il monumento per Antonino Copia, poliziotto morto

 

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteCartelle esattoriali. Addio a vecchie multe, bolli e tasse non pagate per 5 milioni debitori
Prossimo articoloNon si ferma all'alt, Carabiniere spara al fuggitivo: a processo

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.