Condividi

Salerno, anziana sfrattata si vendica: fa esplodere l’appartamento

La signora Ida, pensionata di Eboli, aspettando lo sfratto ha lasciato accesa la stufa accesa sopra il divano letto ed è uscita di casa. Poi l’esplosione. L’appartamento del terzo piano del palazzo Merola, nel rione Borgo di Eboli, è andato a fuoco in seguito a una violenta detonazione. In breve tempo il fumo e le fiamme hanno invaso le scale e lambito le porte degli altri appartamenti.

Il panico si è impadronito dei condomini. “Abbiamo sfondato la porta di ingresso, spegnendo l’incendio. La lotta contro il fumo è stata micidiale”, racconta uno dei residenti. Alcune signore si sono rifugiate sui balconi, chiedendo aiuto. “La visibilità era scarsissima, il fumo acre ci ha intossicati” racconta ancora sotto choc, Giuseppe Cicalese, dirigente locale del Pd, uno dei quattro residenti ricoverati in ospedale. L’intervento tempestivo dei vigili del fuoco ha evitato il peggio.

Il bilancio è di quattro feriti, tutti con lievi intossicazioni.

Nella mattinata i vigili urbani si erano recati a casa della donna per eseguire un trattamento sanitario obbligatorio, ma non l’avevano trovata. Molto probabilmente la pensionata, che aspettava l’ingiunzione di sfratto, aveva deciso di non arrendersi facilmente.

I problemi psichiatrici hanno fatto il resto. Nell’appartamento sono state rinvenute anche armi da fuoco, di proprietà di un parente della donna, e sei bombole di gas che, fortunatamente, non sono esplose. A provocare il botto, secondo i vigili del fuoco, sarebbe stata una bomboletta spray.

LiberoQuotidiano

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteFine settimana da incubo per il tempo: meteo horror, dove congeleremo
Prossimo articoloPensioni, l'Inps rifiuta il 70% delle domande per l'assegno precoce e il 65% per l'Ape