Anziano di 80anni piange su una panchina, poi arrivano i poliziotti: “sono solo, non mangio da tre giorni”. I poliziotti gli portano la spesa

Ancora notizie e vicende di solidarietà e vicinanza tra forze dell’ordine e cittadini.

I poliziotti, lo sappiamo bene, ampiamente impegnati e forse saturi in questo periodo di controlli coronavirus, non perdono mai la propria umanità.

E così, succede (a Bari) che alcuni agenti, nelle scorse ore, hanno notato un uomo di 80 anni che si teneva il viso tra le mani e piangeva, seduto su una panchina vicino all’Ateneo.

A quel punto i poliziotti si sono avvicinati per chiedergli cosa fosse successo, e l’anziano ha detto loro che non mangiava da tre giorni, che non aveva una casa e che il suo unico figlio, che non vede da tempo, vive a Torino.

 

 

LEGGI ANCHE: Gli agenti donano 9mila con le loro offerte volontarie, la Polizia di Stato si mobilita per i più bisognosi
LEGGI ANCHE: “Mi manca la bombola di ossigeno”: Polizia aiuta nonnina di 95 anni
LEGGI ANCHE: Perde lavoro e casa e finisce a vivere in auto: 55enne fermato e aiutato dalla polizia

Gli agenti hanno allora deciso di aiutarlo e da un vicino panificio hanno comprato pane, focacce e generi di prima necessità per l’80enne che, commosso, ha ringraziato tutta la Polizia di Stato per la sensibilità.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche