Condividi

Disperato per la morte dell’adorato figlio, ucciso da un camion in un incidente stradale risalente ad un anno fa.

BARI – Il papà della vittima, in preda alla disperazione, ha tentatto di togliersi la vita nei giorni scorsi.

A notare qualche cosa di strano, una macchina parcheggiata fuori dalla base dell’Aeronautica Militare, sono stati i soldati che, inizialmente hanno intimanto al conducente di spostare la macchina.

Ma l’uomo all’interno dell’auto sembrava assente, non rispondeva. A quel punto sono stati chiamati i Carabinieri.

Arrivati sul posto, uno dei Carabinieri ha notato un coltello: l’uomo lo teneva appoggiato sulla pancia.

“Vattene o mi ammazzo” avrebbe detto secondo la ricostruzione da parte del quotidiano online IlQuotidianoItaliano

Il Carabiniere è però riuscito ad instaurare un dialogo con l’uomo all’interno dell’auto. Dopo qualche decina di minuti. l’uomo ha quindi consegnato due coltelli e, una volta uscito dall’auto, il papà ha abbracciato il carabiniere scoppiando in un pianto liberatorio.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedentePercepivano il reddito di cittadinanza e lavoravano in nero
Prossimo articoloVeterinario sopprime il cane sbagliato, proprietaria disperata

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.