Condividi

Continua la battaglia di poco meno di 500 aspiranti poliziotti esclusi per motivi di età dalla possibilità di continuare il concorso di cui hanno già superato la prima fase.

Adesso, dal Messaggero, che ha raccolto lo sfogo dei giovani, viene diffuso un video che riassume le ragioni di chi è stato escluso sulla base di requisiti che non erano previsti nel concorso a cui loro hanno partecipato, ma introdotti successivamente.

La situazione riguarda le persone escluse a posteriori dal corso di formazione della Polizia di Stato pur avendo superato tutte le prove e in possesso di certificazione di idoneità del ministero dell’Interno. Si tratta del decreto semplificazioni n. 135, che prevede due emendamenti che trattano il tema delle assunzioni, attraverso scorrimento graduatoria, circa il concorso svoltosi nel 2017 dal titolo “1148 allievi agenti Polizia di Stato”‘.

Sono già stati presentati ricorsi al Tar e in altre sedi. Ecco il testo dell’appello “raccontato” nel video.

La legge n. 12/2019 cambia i requisiti del bando pubblico per 1148 Allievi agenti della Polizia di stato del 2017. Esclude da una graduatoria già approvata centinaia.

Queste sono le nostre parole: Che scopo date alla vostra vita? Qual è quel progetto che vi fa affrontare il futuro con orgoglio, quello che vi identifica nel mondo e per la cui realizzazione avete speso energie e tempo? Ognuno ce l’ha. Ed ha il diritto di realizzarlo in ogni momento. Per noi quel progetto è diventare Poliziotti Nel 2017 abbiamo partecipato al concorso pubblico per allievi agenti della Polizia di Stato, l’unico che potevamo visto che non ne veniva bandito uno dal 1996.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteRivolta in un centro di permanenza, poliziotto ferito: "in 6 contro 158 "ospiti", non parlatemi di accoglienza"
Prossimo articoloUbriachi assassini alla guida: “anche in Italia l’etilo-test che blocca le auto se hai bevuto troppo”

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.