Arrestato morto in caserma, fu asfissia

news (ANSA) – SANREMO (IMPERIA), 6 AGO – Bohli Kayes, il pusher tunisino morto nella caserma di Riva Ligure il 6 giugno scorso, è deceduto per una asfissia violenta causata da una pressione sulla cassa toracica. E’ il risultato dell’autopsia. I carabinieri possono avergli premuto il torace per più minuti impedendogli di respirare. ”E’ una grave responsabilita’ dello Stato”, dice il pm, Roberto Cavallone.

 

Fonte http://ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2013/08/06/Arrestato-morto-caserma-fu-asfissia_9126188.html