Dall’Italia nuove speranze per la cura dell’artrite reumatoide: identificato il gene regolatore che controlla i meccanismi che scatenano la malattia

Identikit della malattia

L’artrite reumatoide è una malattia infiammatoria cronica autoimmune che colpisce preferenzialmente le piccole articolazioni delle mani e dei piedi portando a erosioni ossee e a deformazione articolare con importante dolore e impotenza funzionale.

La scoperta dei ricercatori

Uno studio, condotto dai ricercatori dell’Università di Genova, guidati da Antonio Puccetti, e dell’Università di Verona, guidati da Claudio Lunardi e Marzia Dolcino, ha identificato, nei pazienti affetti da artrite reumatoide, la presenza di una molecola che controlla l’insorgenza e le manifestazioni cliniche dell’artrite reumatoide.

L’importanza di una molecola

Benché la causa della malattia sia ancora ignota, è noto che fattori genetici, ambientali come fumo di sigaretta, agenti infettivi, dieta ed epigenetici concorrono alla sua patogenesi.

“La molecola identificata dal team – spiega Marzia Dolcino – ossia l’Rna non codificante RP11-498C9.15- rientra tra questi meccanismi epigenetici, essendo in grado di modificare l’espressione di geni che sono coinvolti nella patogenesi della malattia”

“I meccanismi epigenetici- precisa la ricercatrice- rappresentano un collegamento fra i fattori genetici e ambientali e concorrono in modo fondamentale alla patogenesi di moltissime malattie” (rainews)

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche