Attentati ai Carabinieri: i Servizi hanno avuto un ruolo nell’omicidio di Fava e Garofalo?

“All’interno dei servizi c’è solo una cellula, che si chiama ‘Ossi’, molto esperta e addestrata nel fare questo genere di guerriglia urbana, di piazzare polveri, fare attentati”. Fulci era riuscito ad avere anche i nomi dei componenti della sezione “Ossi”. Nomi finiti nel fascicolo del Dda di Reggio.

Uomini che si muovono nell’ombra, dunque, e che rispondono ai nomi nascosti dietro gli omissis inseriti dal procuratore aggiunto nel registro degli indagati: pezzi delle istituzioni, professionisti, massoni e insospettabili personaggi che rappresentano il comune denominatore del periodo stragista di cosa nostra e della componente segreta delle cosche calabresi.

E quale era, dunque, lo scopo di questa “super loggia segreta?”. Destabilizzare il Paese, puntare a un potere separatista parallelo allo Stato italiano e far nascere un nuovo partito della Lega in Calabria. Era nata una sorta di criminalità eccelsa di alto, altissimo livello.

Irene Savasta per RAGUSANEWS

GUARDA ANCHE: VIDEO – ‘NDRANGHETA ARRESTATI I MANDANTI DEGLI ATTENTATI AI CARABINIERI NEL 1994.

LEGGI ANCHE: Reggio Calabria: arrestati i mandanti degli attacchi contro i Carabinieri tra il 1993 e il 1994

LEGGI ANCHE: Omicidio Garofalo e Fava, giudizio immediato per gli stragisti