Condividi

Il TE’ Boost è stato distribuito a livello nazionale ed il prodotto potenzialmente contaminato si riferisce al Lotto n° 022.615 presente sul pannello inferiore del contenitore ed ha una data di scadenza minima “ottobre 2017” stampata sul contenitore. Il TE’ è venduto in un contenitore di plastica bianco. La vendita è iniziata intorno al 15 Dicembre 2015. Non e’ chiaro se il TE’ contaminato sia stato importato anche in Italia, dove per altro sono diverse le societa’ che vendono il TE’ statunitense. In attesa di una risposta del ministero del Welfare, sottolinea Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, invitiamo ad evitare il consumo di TE’ importato dagli Stati Uniti, ed in particolare quello proveniente dal Nord America. Anche se il caso di salmonellosi in questione riguarda gli Stati Uniti, è sempre buona norma rinfrescarsi la memoria con quelli che sono i sintomi della patologia, comunque ben nota anche in Italia e legata al consumo di numerosi alimenti. Sono febbre, diarrea e dolori addominali che si sviluppano dopo 12-72 ore dal contagio ecco i sintomi. La malattia dura al massimo una settimana e nella maggior parte dei casi non occorre una terapia specifica.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteGucci, rivoluzione in azienda: ferie matrimoniali anche alle coppie gay
Prossimo articoloQuesti CIBI PER CANI sono stati RITIRATI. Fai ATTENZIONE A NON AVERLI IN CASA