Condividi

processionariamestre

Pericolo processionaria, anche a Bergamo. Con l’arrivo della bella stagione l’insetto, uno dei più velenosi e pericolosi per umani, animali e piante, torna – purtroppo – protagonista.
L’ultima notizia arriva da Dalmine, dove i tecnici comunali sono intervenuti nel parco di via Italia, nella frazione di Mariano, per eliminare il nido di processionarie che si era formato su una pianta.

Massima attenzione va dunque prestata ai bambini, ma anche ai cani e ai gatti perché il contatto di pelle e mucose con i peli urticanti dell’insetto allo stato larvale può provocare reazioni allergiche, dermatiti, orticarie, congiuntiviti e anche problemi alle vie respiratorie in caso di inalazione.

Gli esperti raccomandano di tenere alta la guardia fino al termine di maggio, quando le larve si andranno a sistemare nel terreno per trasformarsi in crisalidi e poi in innocue farfalle.
In caso di contatto con la processionaria è opportuno lavarsi abbondantemente con acqua per allontanare i peli urticanti e quindi recarsi, a seconda della gravità, in farmacia, dal medico di medicina generale o di continuità assistenziale (guardia medica) o al pronto soccorso.

I soggetti più esposti al rischio di contatto sono, come detto, i bambini che giocano all’aperto, ma bisogna fare attenzione anche ai nostri amici a quattro zampe: i danni possono essere gravi e dopo un intensa salivazione l’animale può sviluppare una violenta infiammazione di lingua, bocca e tartufo, pertanto si consiglia di rivolgersi al veterinario che potrà fornire tutti i consigli utili a ridurre i danni.

Fonte Bergamo News
6 Aprile 2016

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteBollo Auto, non sempre è dovuto. Scarica il modulo di richiesta ANNULLAMENTO
Prossimo articoloPERICOLO DEL COLON SPORCO: IMPARATE A TENERLO PULITO CON QUESTI POCHI ACCOGIMENTI