Atteso un nuovo parere dei giudici su Alfie. La madre: “Ora ha di nuovo l’ossigeno”

Atteso un nuovo parere dei giudici su Alfie. La madre: “Ora ha di nuovo l’ossigeno”

Dopo lo stop al respiratore artificiale i genitori gli hanno praticato la respirazione bocca a bocca per ore

Il piccolo Alfie è ancora vivo nonostante il distacco del respiratore, avvenuto lunedì sera alle 22.15. Lo racconta il sito Avvenire.it che sta seguendo la vicenda con molto interesse

Nel frattempo il giudice d’appello dell’Alta Corte britannica Anthony Hayden,

firmatario nei giorni scorsi del verdetto di via libera a staccare la spina ai macchinari a cui è collegato il piccolo Alfie Evans,

ha fissato per oggi pomeriggio una nuova, inattesa udienza sulla base degli ultimi sviluppi di queste ore.

 

L’udienza si svolgerà al Tribunale di Manchester. Sono convocati i rappresentanti legali di tutte le parti, inclusa la famiglia e l’ospedale Alder Hey di Liverpool.

Le stesse fonti hanno reso nelle prime ore del mattino che i genitori del piccolo gli avrebbero praticato la respirazione bocca a bocca per qualche tempo, finché il bambino si è stabilizzato continuando a respirare da solo.

Dopo che il bimbo ha respirato da solo per più di 9 ore, sono tornati a fornigli ossigeno tramite le cannule nasali. E, dopo circa 6 ore, a reidratarlo.

 

 

Sono in corso intanto nuovi i contatti diplomatici con l’obiettivo di trasportare il piccolo Alfie, che da lunedì è anche cittadino italiano, nel nostro Paese, sospendendo così l’esecutività della sentenza.

Un aereo attrezzato è pronto a partire dall’Italia per portare al Bambino Gesù di Roma il bimbo britannico. Ieri la presidente dell’ospedale pediatrico del Vaticano era stata al capezzale di Alfie, ma non era stata ricevuta dai vertici della struttura inglese.